Poèmes, suivi de mirlitonnades PDF

Autore di romanzi e di poesie, nel 1969 Beckett venne insignito del Premio Nobel per la letteratura per la sua scrittura, che – nelle nuove forme per il romanzo ed il dramma – nell’abbandono dell’uomo moderno acquista la sua altezza. I Beckett erano protestanti, membri della Chiesa d’Irlanda. La dimora di famiglia, Cooldrinagh a Foxrock, quartiere periferico di Dublino, era una grande casa con giardino e un campo da tennis costruita nel 1903 dal padre di Samuel, William, poèmes, suivi de mirlitonnades PDF in campo edile. Samuel Beckett nasce probabilmente il 13 aprile 1906, un venerdì santo, nonostante i registri anagrafici riportino come data il 14 giugno, mentre un altro certificato di nascita indichi il 13 maggio.


Ce recueil réunit les poèmes que Samuel Beckett a écrits en français depuis 1937.

TABLE DES MATIÈRES : elles viennent – à elle l’acte calme – être là sans mâchoires sans dents – Ascension – La Mouche – musique de l’indifférence – bois seul – ainsi a-t-on beau – Dieppe – Rue de Vaugirard – Arènes de Lutèce – jusque dans la caverne ciel et sol – bon bon il est un pays – Mort de A. D. – vive morte ma seule saison – je suis ce cours de sable qui glisse – que ferais-je sans ce monde sans visage sans questions – je voudrais que mon amour meure – hors crâne seul dedans – Comment dire – mirlitonnades.

All’età di cinque anni, Beckett inizia a frequentare la scuola materna locale, dove comincia a studiare musica. Successivamente si trasferisce alla Earlsford House School nel centro della città, vicino ad Harcourt Street. Beckett studia francese, italiano e inglese al Trinity College di Dublino tra il 1923 e il 1927. Nel 1926 viaggia lungamente in Francia, nel 1927 in Italia. Nel 1929, Beckett pubblica il suo primo lavoro, un saggio critico intitolato Dante Bruno.

Nel 1930, Beckett torna al Trinity College come docente universitario, ma presto rimane deluso da questa scelta. Beckett rassegna le dimissioni dal Trinity College alla fine del 1931, terminando la sua breve carriera di insegnante. Abbandonato l’insegnamento, Beckett comincia a viaggiare per l’Europa. Passa un po’ di tempo anche a Londra, dove nel 1931 pubblica Proust, uno studio critico sull’autore francese Marcel Proust. Nel giugno di quell’anno ha luogo un violento contrasto con la madre, che non approva la sua attività letteraria. A Parigi, nel gennaio 1938, rifiutando le avance di un famigerato prosseneta, conosciuto ironicamente con il nome di « Prudent », Beckett viene accoltellato al petto rischiando la vita. James Joyce organizzò una stanza privata all’ospedale per l’infortunato Beckett.

Beckett si unisce alla Resistenza francese dopo l’occupazione tedesca nel 1940, lavorando come corriere. Nell’agosto 1942, la sua unità viene tradita e lui e Suzanne fuggono a sud al sicuro nel piccolo villaggio di Rousillon, nel dipartimento del Vaucluse nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Beckett fu insignito della Croix de guerre e della Medaille de la Resistance dal governo francese per il suo impegno nel combattere l’occupazione tedesca. Negli ultimi anni di vita, Beckett si riferiva al suo lavoro con la resistenza francese come « roba da boy scout ». Nel 1945 Beckett tornò a Dublino per una breve visita. Durante questo soggiorno, ebbe una rivelazione nella stanza di sua madre, nella quale gli apparve tutto il suo futuro percorso letterario. Questa esperienza venne romanzata nella rappresentazione L’ultimo nastro di Krapp.

Beckett è famoso principalmente per l’opera teatrale Aspettando Godot. In un articolo, il critico Vivian Mercier scrisse che Beckett « ha realizzato il teoricamente impossibile, un’opera in cui non succede nulla, ma che tiene incollati gli spettatori ai loro posti. In più, considerando che il secondo atto è una ripresa leggermente differente del primo, ha scritto un’opera in cui non succede nulla, due volte. Il successo di Aspettando Godot aprì a Beckett la carriera teatrale. L’attività di Beckett come autore multimediale si avvia nel 1956 quando gli viene commissionata dalla BBC Third Programme, l’opera radiofonica Tutti quelli che cadono. Nell’ottobre 1969, Beckett, in vacanza in Tunisia con Suzanne, viene insignito del Premio Nobel per la letteratura.

This entry was posted in Religions et Spiritualités. Bookmark the permalink.